Elba, Fornelli & Fantasia


Una sezione di Enjoy Elba
dedicata alle tradizioni
enogastronomiche elbane


Scopri di più


Se la terra e il mare sono la nostra ricchezza, il cibo è prima di tutto cultura. Ci siamo organizzati in società per coltivare la terra ed allevare il bestiame. L’ospite era considerato sacro nelle civiltà più antiche favorendo l’accoglienza e lo scambio pacifico di saperi. La scienza e la medicina hanno studiato la natura per trarne benefici, migliorare le produzioni o conservare gli alimenti. Il cibo ha favorito i commerci e lo scambio di informazioni fra popoli lontani.

“Il fuoco è l’invenzione che ha reso umani gli umani” ha detto il grande antropologo Claude Lévi-Strauss e dall’uso del fuoco ha origine l’arte della cucina.

Per questo parleremo di prodotti locali, di produttori e piatti della nostra tavola, raccontando la storia antichissima dell’Isola , il lavoro dell’uomo e come ha trasformato il paesaggio, i personaggi che sono diventati leggenda, i borghi, le spiagge e le campagne, la meravigliosa natura che abbiamo avuto in dono. Enjoy Elba è la rivista di riferimento per il settore dell’enogastronomia elbana con numerosi lettori e followers in tutta Europa.

Il mondo dopo il Covid-19 secondo Oscar Farinetti, Fondatore di Eataly »


Elba, Fornelli & Fantasia


Una sezione di Enjoy Elba
dedicata alle tradizioni
enogastronomiche elbane


Scopri di più


Se la terra e il mare sono la nostra ricchezza, il cibo è prima di tutto cultura. Ci siamo organizzati in società per coltivare la terra ed allevare il bestiame. L’ospite era considerato sacro nelle civiltà più antiche favorendo l’accoglienza e lo scambio pacifico di saperi. La scienza e la medicina hanno studiato la natura per trarne benefici, migliorare le produzioni o conservare gli alimenti. Il cibo ha favorito i commerci e lo scambio di informazioni fra popoli lontani.

“Il fuoco è l’invenzione che ha reso umani gli umani” ha detto il grande antropologo Claude Lévi-Strauss e dall’uso del fuoco ha origine l’arte della cucina.

Per questo parleremo di prodotti locali, di produttori e piatti della nostra tavola, raccontando la storia antichissima dell’Isola , il lavoro dell’uomo e come ha trasformato il paesaggio, i personaggi che sono diventati leggenda, i borghi, le spiagge e le campagne, la meravigliosa natura che abbiamo avuto in dono. Enjoy Elba è la rivista di riferimento per il settore dell’enogastronomia elbana con numerosi lettori e followers in tutta Europa.

Il mondo dopo il Covid-19 secondo Oscar Farinetti, Fondatore di Eataly »

Ricette e non solo

Piatti tipici e ricette dei cuochi isolani
30 Aprile 2020

Marmellata d’uva di Mechina

Con la frutta che non si riuscivano a consumare o vendere, quando il raccolto era abbondante, si cucinavano marmellate e conserve. Anche la marmellata d’uva si produceva in tempo di vendemmia, da conservare per tutto l’inverno.
22 Aprile 2020

Sburrita di Baccalà

Il baccalà era considerato un piatto povero che i minatori si portavano al lavoro per il frugale pasto di metà giornata. Le donne, capaci di trasformare povertà in ricchezza, lo cucinavano in acqua con la nepitella.
17 Aprile 2020

Sant’Ilario: ricette per tre generazioni

A Sant’Ilario si tramandano le ricette di madre in figlia. È il caso di Rosina, Ivana e Laiza che usano lo stesso libro di ricette e hanno attinto a piene mani dalla tradizione.

Prodotti e produttori


Persone, luoghi, ingredienti stagionali e locali

Cultura del cibo

Un'esperienza di gusto
2 Maggio 2020

Pesca, pescato e uomini di mare

Il mare generoso ha donato agli isolani grandi quantità di pesce, in gran parte veniva commercializzato. Anche se oggi molti pescatori che si sono insediati all’Elba provengono da altre aree del Mediterraneo, le tradizoni risalgono ad un lontano passato, Addirittura l’allevamento del pesce risale all’epoca romana. Potrebbe essere una opportunità per i giovani riscoprire questo mestiere
16 Aprile 2020

NESOS: un vino lungo la rotta fra Chio e l’Elba

Nesos, il più antico e il più nuovo fra i vini prodotti nel Mediterraneo. Un vino marino. Un vino come lo facevano gli antichi abitanti sull’Isola di Chio in Grecia, famosa per i suoi vini “leggendari” che Varrone definiva i “vini dei ricchi”. Lo ha fatto, ha capito che non era solo leggenda, Antonio Arrighi.

Tradizioni e personaggi

Storie, aneddoti e ricordi